.
Punto Snai on line Calcio Giocato Home Page

Il fuorigioco: la regola più discussa del gioco del calcio

Regola del fuorigiocoL'off-side è la regola più complessa e di difficile interpretazione del gioco del calcio. Immancabilmente nascono dubbi che non saranno mai eliminati fino a quando gli arbitri non saranno supportati dalla tecnologia. In ogni caso, per ora tutto viene demandato al direttore di gara e in particolare ai suoi assistenti.

Nel corso degli anni questa regola ha subito numerose variazioni per rendere più spettacolare il gioco, però, a volte, questo ha contribuito a confondere le idee anche agli addetti ai lavori.

Un giocatore è in fuorigioco quando, al momento in cui il pallone viene calciato da un compagno, non vi sono tra lui e la linea di porta almeno due giocatori avversari, tra i quali non necessariamente il portiere, a meno che non si trovi nella propria metà campo, o che il pallone non gli provenga direttamente da calcio d'angolo, da rinvio o da rimessa laterale, ovvero si trovi dietro la linea del pallone.

Nel fuorigioco è importante il grado di influenza del giocatore nell'azione. Da qui nasce il fuorigioco passivo o attivo. Nel primo caso non è sanzionabile il giocatore che si disinteressa all'azione, oppure se la sfera viene calciata verso una zona del campo dove il giocatore non può arrivare, mentre la posizione di fuorigioco deve essere fischiata se il giocatore interviene nell'azione, trae vantaggio dalla sua posizione o influenza un avversario.

In linea con l'avversario più avanzato degli ultimi due, il giocatore non è in fuorigioco. E' invece in posizione irregolare il calciatore che sopravanza il penultimo giocatore con una parte del corpo con il quale possa giocare il pallone, quindi: testa, gambe e busto.

Collegamenti di rilievo:
.:: Fuorigioco sul sito Wikipedia

.:: Ricerca con Google ''Regola del Fuorigioco''



• Le rubriche di Calcio Giocato: