Una moneta d'oro vale l'Europeo per l'Italia
Punto Snai on line Calcio Giocato Home Page

Una moneta d'oro vale l'Europeo per l'Italia

L'Ialia campione d'Europa 1968Europei 1968, una monetina ci portò in finale, poi ci pensarono Riva e Anastasi!

Ripercorrendo la storia degli azzurri in coppa Europa, il 10 giugno del 1968 allo stadio Olimpico di Roma, in una calda serata d'estate. A sole quarantotto ore dalla prima finale, dove un gran tiro del generoso Domenghini aveva dissipato l'incubo della sconfitta a pochi minuti dal termine, gli azzurri scendevano nuovamente sul terreno dello stadio amico per affrontare una finale-bis contro la coriacea e pericolosa Jugoslavia.

Accanto ai compagni che formano un telaio già ben collaudato ci sono quattro giovani da poco entrati nel club Italia: Dino Zoff, De Sisti, Riva e Anastasi, e sono proprio i gol dei due attaccanti al 12' e 31', che ci regalano l'ambito trofeo.
E pensare, che le porte a quelle finali le aveva spalancate una monetina. In questo caso una moneta d’oro! Si, perchè nella semifinale con i sovietici non eravamo andati oltre lo zero a zero, e nemmeno i supplementari avevano rotto quel sostanziale equilibrio fra le due forze in campo.

La formula del torneo non prevedeva allora i rigori, bensì il sorteggio con la monetina. Il capitano azzurro Giacinto Facchetti, scelse testa, e poi, potete intuire tutti come è andata a finire.



• Le rubriche di Calcio Giocato: